La prima notte

26 Set

Senza acqua calda, senza gas, senza box doccia, senza luce in camera, senza grata (che copre il buco obbligatorio per i fumi in cucina), senza una decente soglia per la porta, senza erba in giardino, senza luce in giardino, senza scala, senza tende, senza porte….

Sabato 24 settembre 2011 abbiamo dormito la prima notte in casa nuova!

Dormito è dir poco, è più esatto dire che siamo morti per poche ore sul letto dell’Eminflex in camera.

Sabato ci siamo alzati alle 7 per incontrare il muratore e il fabbro. Cercando di risolvere l’ennesimo problema.

E da quell’ora non ci siamo mai fermati e dico mai per tutto il finesettimana (a parte quelle poche ore di morte apparente sul letto)!

Scatoloni, valigie, pentole, scarpe, armadi, ikea, leroy merlin, mobili da montare, finestre da pulire…abbiamo passato un finesettimana da urlo.

Non ho mai fatto le valigie in così poco tempo come ieri, ho preso i cassetti e li ho rivoltati nella valigia. Senza guardare in faccia n’è un calzino n’è una mutanda.

Fare le valigie è sempre un pò strano, sopratutto quando tuo padre si accorge in quel momento che stai andando via di casa. Forse definitivamente.

E la gocciolina sale…sale…sale, si forma, piano piano nell’occhio, con un leggero pizzicorino e un nodo in gola. Ma non hai tempo per fermarti ad ascoltare perchè c’è troppo da fare e il sole cala piano piano, portando le ombre e la stanchezza.

Oggi, Lunedì 26 Settembre, è il primo giorno di lavoro, di vita quotidiana, tornando a casa mia.

Fa effetto anche solo pensarlo.

Dopo un’anno, finalmente possiamo dire di avercela fatta. Con mille problemi e mille intoppi, siamo dentro e nessuno ci schioderà più. Nemmeno la perdita dell’acqua dei tubi del riscaldamento, che ingenuoamente l’idraulico ci ha informato stamani. E’ sì, avete letto bene. Abbiamo una perdita, forse tutte quelle lacrime che ho trattenuto sono andate a finire in quel tubo, che non ha retto ed è esploso.

E adesso, che credevo che nulla più poteva succedere in questa storia, ecco di nuovo un bel colpo di scena, che in quarant’anni di lavoro, all’idraulico non è mai accaduto.

Nel frattempo, vi lascio con queste due foto, del prima e del dopo.

Google maps non è aggiornato, lasciandoci questa chicca ormai passata.

Stay tuned gente! Perchè la storia non è ancora finita!

 

Advertisements

Una Risposta to “La prima notte”

  1. Alph 26 settembre 2011 a 1:19 PM #

    Congratulazioni! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: